Parole come “profughi”, “rifugiati”, “clandestini” sono spesso usate in maniera sbagliata. Vizi linguistici dai quali scaturiscono rappresentazioni falsate e fuorvianti. Roberta Porro, coordinatrice di Avvocato di strada Andria, intervistata da Puglia Reporter e da Andria Live