Lunedì 18 dicembre si terrà la prima presentazione pubblica di “Non esistono cause perse”, il libro scritto a quattro mani dal presidente di Avvocato di strada Antonio Mumolo e dal giornalista di Repubblica Giuseppe Baldessarro e con la prefazione del Cardinale e presidente della Conferenza Episcopale Italiana Matteo Maria Zuppi.

La prima cosa che viene in mente quando si vede un “barbone” dormire per strada è che si tratta di una causa persa. Lo pensiamo, anche se a volte non lo confessiamo nemmeno a noi stessi. Nel linguaggio comune e nell’immaginario collettivo la “causa persa” indica un problema impossibile da risolvere o una persona che non si rialzerà. Nel linguaggio giuridico vuole anche dire lottare contro i mulini a vento ovvero proporre una causa quando si sa che la sentenza sarà molto probabilmente negativa. Per noi non esistono persone che non si possono aiutare e non esistono giudizi che non si possono affrontare, anche in situazioni molto complicate, perché c’è sempre la possibilità di ottenere sentenze innovative. Così come è sempre possibile provare a costruire un mondo migliore, più giusto. Per noi non esistono cause perse.

PRIMA PRESENTAZIONE PUBBLICA DEL LIBRO “NON ESISTONO CAUSE PERSE”
Lunedì 18 dicembre 2023 h.18, Piazza Coperta di Bologna

Nel corso dell’iniziativa Antonio Mumolo e Giuseppe Baldessarro parleranno del loro libro Non esistono cause perse. Gli avvocati e la strada con Matteo Lepore, Sindaco di Bologna  e Caterina Cortese, Osservatorio Studio, ricerca e Promozione Culturale. fio.PSD,

A condurre la presentazione Giulia Bondi, giornalista TGR Emilia-Romagna.

L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming anche sul canale YouTube di Bologna Biblioteche.

Share This